CONCORSO Pincherle

Posted by on Dec 4, 2015 in attivita, frontpage | 0 comments

CONCORSO Pincherle

Dal 4 dicembre 2015 al 21 gennaio 2016 è aperto il concorso di progettazione “Nuova Vita al Pincherle!” promosso dall’associazione GArBo – Giovani Architetti Bologna con il Quartiere Porto (Comune di Bologna), l’Ordine degli Architetti P.P.C. di Bologna e l’ Urban Center Bologna nell’ambito delle attività di Collaborare è Bologna. >>>>

Il giardino Salvatore Pincherle è un’area verde di modeste dimensioni e grandi potenzialità situata nel centro storico di Bologna. Da anni lo spazio riporta alcune criticità lamentate principalmente dai residenti della zona e ad oggi è pressoché in disuso e conosciuto in città per dubbie frequentazioni.
Il percorso “Nuova Vita al Pincherle!” nasce nel 2014 per supportare e promuovere una rigenerazione dal basso del giardino ed sua completa trasformazione in una piazza di quartiere dove incontrarsi e socializzare, un’area verde accessibile e dinamica dove organizzare eventi temporanei o attività di quartiere, non più un ‘vuoto urbano’ da evitare a causa di evidenti problemi di degrado e micro-criminalità.

Il concorso si inserisce in questo contesto, con l’obiettivo di coinvolgere professionisti, creativi ed esperti di verde urbano e trasformazioni della città nella rigenerazione del Pincherle e nella progettazione di uno spazio pubblico confortevole e di qualità, dove il design di arredi urbani e le sistemazioni a verde si coniughino con l’attenzione a criteri di sostenibilità ambientale, resilienza ed inserimento nel contesto.
E’ particolarmente gradita la partecipazione di gruppi interdisciplinari costituiti da diverse figure professionali e non, con la capacità di gestire lo spazio che si progetta tramite attività e iniziative di partecipazione. Condizione essenziale è che il capogruppo possieda la laurea in Architettura o Ingegneria e non abbia superato il 41° anno di età alla pubblicazione del presente bando.

A seguito dei lavori della Giuria Tecnica e Popolare che si sono svolti nel mese di febbraio 2016, sono stati assegnati i seguenti premi:
1^ premio – Vincitore: Codice: 027 – Titolo: Le P di Pincherle
Duilia Madonia, Lorenzo Tucci, Elisa Samsa

2^ classificato: Codice: 018 – Titolo: LaPlace
Cecilia Rendina, Tommaso Lorenzetti, Susanna Janina Baumgartner, Massimiliano Alessandro Cecchetto

Menzione Giuria Tecnica: Codice: 005 – Titolo: Pincherle: un giardino tra due muri
Filippo Pecorai, Francesco Polci, Antonio Salvi

Menzione Giuria Tecnica: Codice: 006- Titolo: living fragment
Giorgia Liut, Ermes Povoledo

Menzione Giuria Tecnica: Codice: 023- Titolo: Pincherle2
Maurizio Rini, Walter Villa, Dario Vanetti, Marcello Pari, Ewelina Maliborska

Menzione speciale GArBo: Codice: 010 – Titolo: Remapping Pincherle
Andrea Costi, Sara Biondi, Matteo Verzelloni, Filippo Bergianti

A seguire il verbale completo delle sedute delle commisioni. Congratulazioni ai vincitori e grazie a tutti i concorrenti per l’entusiasmo e la partecipazione!

Al 1^ classificato sarà riconosciuto un premio in denaro di € 2.500,00, al 2^ classificato di € 700,00. Un eventuale 3^ premio sarà assegnato a discrezione della Giuria.
Il Quartiere Porto si impegna a collaborare con il gruppo 1^ classificato per sviluppare il progetto vincitore in termine di fattibilità tecnica ed economica fino alla fase esecutiva.

Il concorso si svolge interamente via internet, attraverso la piattaforma concorsi on-line dell’Ordine Architetti di Bologna. Il bando, la relativa documentazione e tutte le informazioni sono disponibili a partire da mercoledì 9 dicembre 2015 all’indirizzo http://concorsi.archibo.it/pincherle/home

Obiettivi e temi del concorso
I partecipanti al bando di concorso per la riqualificazione del Pincherle sono chiamati a redigere una proposta di progetto preliminare che tenga in considerazione:
accessibilità dell’area e permeabilità degli spazi;
economicità complessiva delle opere e della loro manutenzione;
qualità del design degli arredi urbani;
riuso e riciclabilità dei materiali;
fruibilità degli spazi e possibilità d’uso dell’area verde da parte di tutte le fasce di età e di portatori di handicap;
> possibilità dell’area di svolgere la funzione di aggregazione sociale fra i diversi utenti del quartiere (anche tramite spazi comuni e condivisi opportunamente progettati);
> previsione di forme di gestione condivisa degli spazi e coinvolgimento di associazioni o gruppi di cittadini nella manutenzione e presidio del giardino;
> conservazione e incremento della biodiversità tramite un’attento uso del verde (alberature, piante ornamentali, orti urbani, casette per insetti, ecc.);
> valorizzazione delle preesitenze storiche, in particolare del tratto residuo di mura del Mille e della edificio casa natale di Luigi Galvani che su affaccia sul giardino.

In particolare la proposta progettuale dovrà contenere indicazioni per:
arredi e materiali complementari: recinzione perimetrale e accessi, pavimentazioni, segnaletica interna (bacheche, pali, ecc.), contenitori per la raccolta dei rifiuti vegetali e non, sedute, tavoli, attrezzature ludiche e altri elementi di arredo;
elementi vegetali: alberi, arbusti, rampicanti, siepi perimetrali, orti o giardini officinali, ecc.;
impianti tecnologici: di illuminazione, di irrigazione, di raccolta e accumulo acque piovane e di raccordo alle reti pubbliche;
manufatti per la socializzazione come tettoie e pergolati, strutture per il ricovero degli attrezzi e dei materiali vari, chiosco o padiglione per eventi temporanei;
> proposte su forme di gestione condivisa degli spazi e coinvolgimento della cittadinanza nella manutenzione e presidio del giardino;
> valorizzazione e narrazione delle preesitenze storiche afferenti il giardino, in particolare inserimento progettuale nel contesto, punti di vista e scorci panoramici sugli elementi di rilevanza storica.

Per realizzare una proposta progettuale sostenibile dal punto di vista economico, i candidati dovranno considerare che il budget stimato per la realizzazione degli interventi è di circa 20.000,00 (ventimila) euro al lordo dell’IVA e dei contributi previdenziali.
La stima definitiva dei costi per la realizzazione degli interventi del progetto vincitore sarà sottoposta alla valutazione degli uffici tecnici comunali e delle effettive risorse a disposizione per la realizzazione delle opere.



Per info e quesiti tecnici: segreteria organizzativa
GArBo – Giovani Architetti Bologna – pincherle@giovaniarchitettibologna.org

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>